mercoledì 29 gennaio 2020

Statistiche sui 56 caduti partigiani di Treviso ricordati nel monumento di San Lazzaro


Caduti partigiani di Treviso: anno di nascita
Caduti partigiani di Treviso, per anno di nascita - 
Il numero maggiore dei cinquantasei caduti ricordati nel monumento corrisponde alle classi di leva più interessate 
ai bandi di chiamata alle armi della RSI, con un picco di otto caduti della classe 1923.
(1921 - 41922 - 71923 - 81924 - 41925 - 6- Elaborazione grafica di Laura Martinello -

1869 Antonio Capelletto - 1892 Teresa Menghi Fiabon - 1897 Pasqua Gobbetto - 1905 Umberto Corvino - 1906 Arturo Carraro, Enrico Martini - 1907 Luigi (Giuseppe) Mestriner -1910 Amerigo Perini, Antonio Scarabel - 1911 Carlo Bortolato, Aldo Boscolo - 1914 Giovanni Ciondoli, Antonio (Nino) Zorzi - 1915 Giuseppe Quarisa - 1916 Aldo Campanella - 1917 Francesco Canella - 1918 Antonio (Giancarlo) Brambullo - 1919 Vittorio Gambarotto - 1920 Spartaco Bellio, Umberto Caldato - 1921 Bruno Baldrocco, Rino Chiarello, Luigi Fantin, Consolato Laganà - 1922 Franco Ardi, Aldo Bonali, Luigi Bordin, Giulio De Zuliani, Giovanni Gobbo, Libero Mion, Vito Rapisardi, Danilo Segato - 1923 Ugo Benvenuto, Bruno Chiarello, Felice Franceschetti, Renato Moretto, Primo Obici, Angelo Scardellato, Vittorio Soldera, Carlo Tinazzi - 1924 Luigi Cattarin, Vittorio (Rino) De Vecchi, Luciano Mangiagalli - 1925 Wladimiro Benvenuto, Enos Busatto, Italo Buttazzoni, Giles Camarin [Camerin], Mirando Favaretto, Pietro Lenorose - 1926 Leonildo Angeloni, Wladimiro Paoli - 1927 Giorgio Merenda, Pier Giocondo Pozzobon - 1928 Ugo Bottacin, Luciano (Renato) Mantovani - 1929 Giuseppe Menegazzi.

Data di morte
Caduti partigiani di Treviso, per data di morte - Monumento nel cimitero di San Lazzaro
Trenta dei cinquantasei partigiani ricordati nel monumento di Treviso sono stati uccisi nell'aprile del 1945, 
ultimo mese della guerra per gran parte della pianura trevigiana in destra Piave. Dei trenta partigiani morti in aprile, 
più della metà (sedici) furono uccisi domenica 29 aprile, giorno della liberazione di Treviso.
(Elaborazione grafica di Laura Martinello)

1943.09.15 Antonio (Giancarlo) Brambullo - 1944.08.03 Renato Moretto, Antonio Scarabel - 1944.08.29 Vittorio Soldera - 1944.09.09 Wladimiro Paoli - 1944.09.21 Aldo Bonali - 1944.09.25 Pietro Lenorose - 1944.10.08 Luciano (Renato) Mantovani - 1944.10.15 Antonio Capelletto - 1944.10.23 Luciano Mangiagalli - 1944.10.28 Teresa Menghi Fiabon - 1944.11.11 Francesco Canella , Enrico Martini - 1944.11.16 Mirando Favaretto - 1944.11.26 Amerigo Perini - 1945.02.09 Giuseppe Quarisa - 1945.03.05 Franco Ardi, Carlo Tinazzi - 1945.03.15 Luigi Bordin, Aldo Campanella - 1945.03.16 Enos Busatto - 1945.03.22 Ugo Bottacin, Felice Franceschetti - 1945.04.04 Arturo Carraro - 1945.04.05 Rino Chiarello - 1945.04.12 Giovanni Ciondoli - 1945.04.16 Luigi Cattarin - 1945.04.18 Leonildo Angeloni, Giles Camarin [Camerin], Angelo Scardellato, Danilo Segato - 1945.04.20 Bruno Baldrocco - 1945.04.22 Antonio (Nino) Zorzi - 1945.04.25 Primo Obici - 1945.04.27 Ugo Benvenuto - 1945.04.28 Giulio De Zuliani, Pasqua Gobbetto - 1945.04.29 Spartaco Bellio, Wladimiro Benvenuto, Carlo Bortolato, Italo Buttazzoni, Umberto Caldato, Bruno Chiarello, Vittorio (Rino) De Vecchi, Luigi Fantin, Vittorio Gambarotto, Giovanni Gobbo, Consolato Laganà, Giorgio Merenda, Luigi Mestriner, Libero Mion, Pier Giocondo Pozzobon, Vito Rapisardi - 1945.04.30 Umberto Corvino - 1945.05.07 Aldo Boscolo - 1945.05.18 Giuseppe Menegazzi

Luogo della morte

Luogo della morte dei 56 caduti partigiani del comune di Treviso. 
(Tra virgolette l'indicazione presente nell'atto di morte).
Comune di Treviso: Leonildo Angeloni (presso il ponte Santa Margherita, riva sinistra del Sile - [città: dentro le mura]), Ugo Benvenuto (ferito in zona Fonderia - S. Maria del Rovere, morto all'ospedale civile, sede Casier - villa Carlotta/Morosini Palla), Aldo Boscolo (ospedale civile), Giancarlo Antonio Brambullo ("nella pubblica Via Ugo Foscolo" - zona Scalo Motta), Enos Busatto ("nella casa N° 52 in Strada Noalese"angolo via Boiago, San Giuseppe), Giles Camerin (presso il ponte Santa Margherita, riva sinistra del Sile - città), Antonio Cappelletto (strada Noalese presso il cavalcavia di San Giuseppe), Luigi Cattarin ("in località Porta Calvi", fossa esterna), Giovanni Ciondoli (ponte Ottavi sul Sile, riva destra lato "Case Luzzatti"), Umberto Corvino (piazza Duomo - città), Mirando Favaretto (zona via Nascimben - San Lazzaro), Vittorio Gambarotto (via "S. Pelajo al N° 70"), Pasqua Gobbetto ("nella Strada della Fonderia" - Santa Maria del Rovere), Consolato Laganà ("presso la Caserma Salsa" - S. Maria del Rovere), Giuseppe Menegazzi (campo d'aviazione San Giuseppe), Teresa Menghi Fiabon ("in via Dotti al N° 4" - città), Renato Moretto (via Scarpa all'incontro con via Concordia - zona ospedale Ca' Foncello), Primo Obici ("in Cantarane (pubblica Via)" - città), Pier Giocondo Pozzobon (caserma Salsa, S. Maria del Rovere), Giuseppe Quarisa (ferito allo Scalo Motta, morto "in questo Ospitale Civile"), Antonio Scarabel (via Scarpa all'incontro con via Concordia - zona ospedale Ca' Foncello), Angelo Scardellato (ferito in via Buel del Lovo - ora strada dell'Aeroporto, San Giuseppe; morte in ospedale), Danilo Segato (presso il ponte Santa Margherita, riva sinistra del Sile - città), Antonio Nino Zorzi (" nella casa posta in Borgo Cavour Collegio Pio X" - città).
Provincia di Treviso: Bruno Baldrocco (Pezzan d'Istrana), Spartaco Bellio (Ponzano Veneto), Vladimiro Benvenuto (Cimitero di Villorba),  Ado Bonali (Crespano del Grappa), Carlo Bortolato (Quinto di Treviso, loc. Al Gambero), Ugo Bottacin (Zapparè di Trevignano), Italo Buttazzoni (Cimitero di Villorba), Umberto Caldato (Cimitero di Villorba), Francesco Canella  (via San Rocco, Roncade), Arturo Carraro (Via Casaria 10, Biancade), Bruno Chiarello (Quinto di Treviso, loc. Al Gambero), Rino Chiarello (San Cassiano: strada Quinto-Paese), Vittorio (Rino) De Vecchi (Quinto di Treviso, loc. Al Gambero), Giulio De Zuliani (Mogliano, Piazza Duca D'Aosta), Luigi Fantin (Cimitero di Villorba), Franceschetti Felice (Zapparè di Trevignano), Giovanni Gobbo (Cimitero di Villorba), Pietro Lenorose (Levada di Pederobba), Luciano Mangiagalli (San Fior di Sopra), Enrico Martini (Roncade, via Roma)Giorgio Merenda (ferito a S. Marco di Resana - via Monte Grappa), Luigi Mestriner (Cimitero di Villorba), Libero Mion (Cimitero di Villorba),  Vito Rapisardi (Quinto di Treviso, loc. Al Gambero), Carlo Tinazzi (Via Croce - Navolè di Gorgo al Monticano).
Nel Veneto Amerigo Perini (Venezia, Ponte de le Veste), Vladimiro Paoli (Piombino Dese PD, loc. Albare, incrocio ferrovie Ostiglia (ora ciclabile) e "Valsugana"),Vittorio Soldera (Trichiana, strada Campedei-Pianezze - Sant'Antonio Tortal).
In altre regioni Aldo Bruno Campanella (Valbondione BG), Luciano Renato Mantovani (Pieve di Teco IM).
Prigionieri nel territorio della Germania nazista Franco Ardi (Mauthausen), Luigi Bordin (Melk)


Da chi sono stati uccisi

I cinquantasei partigiani ricordati nel mausoleo di  Treviso - cimitero di San Lazzaro
sono stati uccisi da: nazisti tedeschi (23), fascisti italiani (21), nazi-fascisti (4),
autori non identificati (3), incidente (2), prigionia in Germania (2), fuoco amico (1)

Dai tedeschi: Spartaco Bellio (29.4.45), Vladimiro Benvenuto (29.4.1945), Carlo Bortolato (29.4.1945), Ugo Bottacin (22.3.1945), Giancarlo Antonio Brambullo (15.9.1943), Italo Buttazzoni (29.4.1945), Umberto Caldato (29.4.1945), Bruno Chiarello (29.4.1945), Rino Chiarello (5.4.1945), Vittorio Rino De Vecchi (29.4.1945), Giulio De Zuliani (28.4.1945), Luigi Fantin (29.4.1945), Felice Franceschetti (22.3.1945), Vittorio Gambarotto (29.4.1945), Pasqua Gobbetto, (28.4.1945), Giovanni Gobbo (29.4.1945), Consolato Laganà (29.4.1945), Luciano Mangiagalli (23.10.1944), Giorgio Merenda (29.4.1945), Luigi Mestriner (29.4.1945), Libero Mion (29.4.1945), Giuseppe Quarisa (9.2.1945), Vito Rapisardi (29.4.1945).
Dai fascisti: Leonildo Angeloni (18.4.1945), Bruno Baldrocco (20.4.1945), Ugo Benvenuto (27.4.1945), Enos Busatto (16.3.1945), Giles Camerin (18.4.1945), Aldo Bruno Campanella (15.3.1945), Francesco Canella (11.11.1944), Arturo Carraro (4.4.1945), Luigi Cattarin (16.4.1945), Giovanni Ciondoli (12.4.1945), Mirando Favaretto (16.11.1944), Enrico Martini (11.11.1944), Teresa Menghi Fiabon (28.10.1944), Renato Moretto (3.8.1944), Primo Obici (25.4.1945), Amerigo Perini (26.11.1944), Antonio Scarabel (3.8.1944), Angelo Scardellato (18.4.1945), Danilo Segato (18.4.1945), Carlo Tinazzi (5.3.1945), Antonio Nino Zorzi (22.4.1945).
Da nazi fascisti: Ado Bonali (21.9.1944), Pietro Lenorose (25.9.1944), Luciano Renato Mantovani (26.1.1945), Vittorio Soldera (29.8.1944).
Da autori non identificati: Antonio Cappelletto (15.10.1944), Umberto Corvino (30.4.1945), Pier Giocondo Pozzobon (29.4.1945).
Incidente: Aldo Boscolo (7.5.1945), Giuseppe Menegazzi (18.5.1945).
Prigionia:  Franco Ardi (5.3.1945), Luigi Bordin (15.3.1945).
Fuoco amico: Vladimiro Paoli (9.9.1944).

Professione


Professione dei caduti ricordati nel mausoleo dei partigiani  di Treviso (cimitero di S. Lazzaro).

Commercianti/esercenti - 3: Teresa Menghi Fiabon (fruttivendola), Amerigo Perini (oste), Antonio Scarabel (oste) -
Contadini - 1: Angelo Scardellato (fittavolo) - Impiegati/tecnici - 5: Bruno Baldrocco (impiegato), Spartaco Bellio (tecnico meccanico), Vladimiro Benvenuto (radiotecnico), Carlo Bortolato (bancario), Consolato Laganà (radio montatore) - Militari - 3: Umberto Corvino (maresciallo esercito), Felice Franceschetti (carabiniere), Antonio Nino Zorzi (ufficiale esercito) - Operai - 31: Leonildo Angeloni (aggiustatore FS), Ugo Benvenuto (meccanico), Ugo Bottacin (commesso), Umberto Caldato (falegname), Giles Camerin (non specificato - n.s.), Aldo Bruno Campanella (idraulico e lattoniere), Francesco Canella (cementista), Arturo Carraro (muratore), Luigi Cattarin (fattorino), Bruno Chiarello (meccanico), Rino Chiarello (manovale FS), Giovanni Ciondoli (n.s.), Vittorio Rino De Vecchi (mugnaio), Luigi Fantin (meccanico auto), Mirando Favaretto (fiorista), Vittorio Gambarotto (falegname), Pasqua Gobbetto (domestica), Giovanni Gobbo (tappezziere), Pietro Lenorose (n.s.), Luciano Mangiagalli (n.s.), Enrico Martini (pescivendolo), Giuseppe Menegazzi (n.s.), Luigi Mestriner (barcaro), Libero Mion (n.s.), Renato Moretto (macellaio), Primo Obici (fattorino), Vladimiro Paoli (commesso), Giuseppe Quarisa (verificatore FS), Danilo Segato (n.s.), Vittorio Soldera (n.s.), Carlo Tinazzi (n.s.) - Pensionati - 1: Antonio Cappelletto (ortolano) - Studenti - 12: Franco Ardi (universitario - medicina), Ado Bonali (istituto tecnico), Luigi Bordin (universitario - medicina), Aldo Boscolo (universitario - n.s.), Giancarlo Antonio Brambullo (universitario - medicina; studente/lavoratore: dentista), Enos Busatto (magistrali), Italo Buttazzoni (liceo classico), Giulio De Zuliani (universitario - giurisprudenza), Luciano Renato Mantovani (avviamento professionale), Giorgio Merenda (liceo classico), Pier Giocondo Pozzobon (liceo classico), Vito Rapisardi (giurisprudenza -neolaureato)

Titolo di studio

Titolo di studio dei 56 partigiani uccisi del comune di Treviso.
Elementari
 - 33Leonildo  Angeloni, Ugo Benvenuto, Ugo Bottacin, Umberto Caldato, Giles Camerin Giles, Francesco Canella, Arturo Carraro, Luigi Cattarin, Bruno Chiarello, Giovanni Ciondoli, Vittorio Rino De Vecchi, Luigi Fantin, Mirando Favaretto, Felice Franceschetti, Vittorio Gambarotto, Pasqua Gobbetto, Giovanni Gobbo,  Luciano Mangiagalli, Enrico Martini, Giuseppe Menegazzi, Teresa Menghi Fiabon, Luigi Mestriner, Libero Mion, Renato Moretto, Primo Obici, Vladimiro Paoli, Amerigo Perini, Giuseppe Quarisa, Antonio Scarabel, Angelo Scardellato, Danilo Segato, Vittorio Soldera, Carlo Tinazzi - Istituto Tecnico - 6: Spartaco Bellio, Vladimiro Benvenuto, Ado Bonali, Carlo Bortolato, Umberto Corvino, Antonio Nino Zorzi - Laurea - 1: Vito Rapisardi - Liceo Classico - 3: Italo Buttazzoni, Giorgio Merenda, Pier Giocondo Pozzobon - Magistrali - 2: Aldo Boscolo, Enos Busatto - Non conosciuto - 2: Antonio Cappelletto, Pietro Lenorose - Professionali - 5: Bruno Baldrocco, Aldo Bruno Campanella, Rino Chiarello, Consolato Laganà, Mantovani Renato Luciano - Universitari  (Laurea Honoris Causa) - 4: Franco Ardi, Luigi Bordin, Giancarlo (Antonio) Brambullo, Giulio De Zuliani


Formazioni di appartenenza

Caduti partigiani del Comune di Treviso, per formazione di appartenenza:
Battaglione Treviso 1 - Brigate autonome 1 - Brigate democristiane (Brigate del Popolo) 5
Brigate comuniste (Brigate Garibaldi) 35 - Brigate di Giustizia e Libertà 6 - Brigate socialiste 1
Divisione Osoppo 1 - Formazioni repubblicane 3 - Servizio informazioni del CVL 1 - Nessuna indicazione 2

Elenco

F: dato desunto da Elio Fregonese, I caduti trevigiani nella guerra di liberazione 1943-1945 […] ,
Seconda edizione con integrazioni, 1997.


Battaglione Treviso (prima della sua trasformazione in Brigata Treviso) [1]
Brigate autonome
Mangiagalli Luciano, Brg. Piave  [3]

Brigate democristiane (Brigate del Popolo)
Baldrocco Bruno [4], Brg. Zancanaro - Gruppo Brigate Sandro Pomini  (F)
Bellio Spartaco [5], Brg. Zancanaro - Gruppo Brigate Sandro Pomini  (F)
Lenorose Pietro, Brg. Martiri del Grappa - Div. Monte Grappa  (F)
Merenda Giorgio, Brg. C. Battisti - Div. Monte Grappa   (F)
Obici Primo, Brg. Tito Speri - Gruppo Brigate Sandro Pomini [6]

Brigate comuniste (Brigate Garibaldi)
Angeloni Leonildo, Brg. Wladimiro Paoli- Div. Sabatucci  (F)
Ardi Franco, Brg. Feltre - Div. Belluno  (F)
Benvenuto Ugo, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci [7]
Benvenuto Vladimiro, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Bordin Luigi, Brg. Feltre - Div. Belluno  (F)
Boscolo Aldo, Btg. Rino e Bruno Chiarello - Div. Sabatucci  (F)
Bottacin Ugo, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci
Brambullo Antonio (Giancarlo) [8], Brg. Negrin - Div. Sabatucci
Buttazzoni Italo, Brg. Bavaresco- Div. Sabatucci
Caldato Umberto, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Camarin Giles, Brg. Negrin - Div. Sabatucci  (F) [9]
Canella Francesco, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci  (F)
Carraro Arturo, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci  (F) [10]
Cattarin Luigi, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Chiarello Rino, Brg. Cairoli - Div. Nannetti   (F)
Ciondoli Giovanni, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Fantin Luigi, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Franceschetti Felice, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci
Gambarotto Vittorio, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Gobbetto Pasqua, Btg. R. e B. Chiarello - Div. Sabatucci  (F)
Gobbo Giovanni, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Laganà Consolato, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Mantovani Luciano Renato, Brg. Bacigalupo - Div. Bonfante (Liguria)
Martini Enrico, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci  (F)
Menegazzi Giuseppe, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci
Menghi Fiabon Teresa, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Mestriner Luigi, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Mion Libero, Brg. Bottacin - Div. Sabatucci
Moretto Renato, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Paoli Vladimiro, Brg. Wladimiro Paoli - Div. Sabatucci
Perini Amerigo, Brg. Negrin - Div. Sabatucci
Pozzobon Pier Giocondo [11], Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Quarisa Giuseppe, Brg. Negrin - Div. Sabatucci
Scarabel Antonio, Brg. Bavaresco - Div. Sabatucci
Soldera Vittorio, Brg. Tollot - Div. Nannetti (F)

Brigate di Giustizia e Libertà [12]
Bortolato Carlo, Comandante Gruppo Brigate GL
Busatto Enos, Brg. Bortolato (già Mameli)
Chiarello Bruno, Brg. Bortolato (già Mameli)
De Vecchi Vittorio, Brg. Bortolato (già Mameli)
Rapisardi Vito, Comando Gruppo Brigate GL
Scardellato Angelo, Brg. Mameli  (F)

Brigate socialiste
Bonali Ado, Brg. Matteotti - Div. Monte Grappa

Divisione Osoppo
Tinazzi Carlo, Brg. Girardini - IV div. Osoppo  (F)

Formazioni repubblicane [13]
De Zuliani Giulio, Compagnia 32a Mazzini [14] - Brg. Treviso
Segato Danilo, Compagnia 32a Mazzini - Brg. Treviso
Zorzi Antonio (Nino), Compagnia 32a Mazzini - Brg. Treviso

Servizio Informazioni Comando generale Corpo Volontari della Libertà
Nessuna indicazione
Note

[1] Il Battaglione Treviso, che si era formato già nel settembre 1943, si sciolse nel gennaio del 1945 e i suoi elementi passarono «alle dipendenze non più di un Comando unico di Btg. ma di formazioni militari di vari partiti». Aistresco, ID 546, inv. 045, carte Fusari Pietro, Brigata Treviso del Gruppo Brigate “S. Pomini”, Diario Storico della Compagnia 32a Mazzini già 8a Compagnia del Battaglione Treviso.
[2] Favaretto era un “simpatizzante repubblicano”. Aistresco, ID 546, inv. 045, carte Fusari Pietro. Dichiarazione in data 13.7.1945 del comandante Renieri, battaglione Treviso, Ufficio stralcio.
[3] Cfr. Francesco Piazza, Portavamo il fazzoletto azzurro…, p. 123.
[4] Bruno Baldrocco, pur militando in una formazione a guida democristiana era un comunista. Lo si deduce dalla presenza (con discorso) all’inaugurazione del cippo in memoria sua e di Favarin dell’avv. comunista Carlo Vestidello (Il Lavoratore, 10.11.1945).
[5] La morte di Spartaco Bellio è ricordata nel diario storico della brg. Pietro Gobbato di GL, ma il suo nome non è presente negli elenchi ufficiali dei caduti né di GL né della DC.
[6] L’elenco dei caduti della brigata DC “Tito Speri” si trova in Casrec, (Centro di Ateneo per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea - Padova), sez. I (digitalizzata), IVSR_8_12_1.010, Relazione sull’attività svolta dalla brigata “Tito Speri” - III zona, dall’ottobre 1943 alla Liberazione.
[7] L’elenco dei caduti delle brigate Garibaldi di Treviso (poi Divisione Sabatucci) si trova in Aistresco, ID 359, n. inv 024, fondo Resistenza, fasc. Divisione Garibaldi F. Sabatucci - Elenco caduti (feriti compresi).
[8] Sul giornale La Riscossa del 22 settembre 1945, “gli amici di lotta” ne ricordano la fede repubblicana.
[9] Angeloni e Camarin non sono presenti nell’elenco dei caduti della div. Sabatucci. Sono invece ricordati nell’anniversario della morte da «gli amici di fede e i commilitoni del battaglione “Treviso”» nel giornale dei repubblicani La Riscossa del 20 aprile 1946.
[10] Arturo Carraro “Barba vecio” non è presente nell’elenco dei caduti della div. Sabatucci ma è riconosciuto come “un nostro garibaldino” nell’azione n. 112 della brg. Negrin. Diari storici… online, p. 484.
[11] Pier Giocondo Pozzobon è presente anche dall’elenco dei caduti della R.S.I. - Al riguardo cfr. le considerazioni dell’A. nella pagina dedicata a Pozzobon.
[12] L’elenco dei caduti delle formazioni di GL (che facevano capo al Partito d’Azione) è riportato in Aistresco, ID 100, n. inv. 008, fondo Caporizzi, fasc. Gruppo Brigate Giustizia e Libertà.
[13]  L’elenco dei caduti repubblicani è riportato in Aistresco, ID 546, n. inv. 45, fasc.  Carte Fusari Pietro, Diario storico [] ,  cit., p. 14.
[14] Inizialmente (dal settembre 1943) questa formazione repubblicana costituiva l’8a compagnia del Btg. Treviso. Dopo lo scioglimento del battaglione, Teodolfo (Toto) Tessari «per ricollegarsi simbolicamente con le 31 Brigate Mazziniane Repubblicane esistenti nell’alta Italia […] propose il nome di 32a Compagnia Mazzini». Aistresco, ID 546, inv. 045, Carte Fusari Pietro; Diario storico [] cit., p. 1. Il timbro, apposto nella copertina del diario e firmato dal comandante Fusari, usa la dicitura 32a “Formazione Mazzini”.
[15] Cfr. nel sito dell’Istituto Nazionale Ferruccio Parri (ex INSMLI – Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia): "Vicende di un Servizio Informazioni", Relazione del dott. Enzo Boeri alla organizzazione O.S.S. sulla sua missione nel Nord Italia (17 Marzo 19944-1° Maggio 1945) - Pdf online.
[16] Antonio Cappelletto era un vecchio antifascista, già confinato politico. Il suo nome è presente nel Casellario Politico Centrale (online) e nel mausoleo, ma non nel repertorio di Fregonese.


Pagina precedente                    Pagina successiva         Torna alla pagina iniziale




1 commento: